lady madonna

(lennon/mccartney)
durata 02:16
la maggiore

Testo

Lady Madonna, children at your feet
Wonder how you manage to make ends meet
Who find the money when you pay the rent?
Did you think that money was heaven sent?

Friday night arrives without a suitcase
Sunday morning creeping like a nun
Monday's child has learned to tie his bootlace
See how they run

Lady Madonna, baby at your breast
Wonders how you manage to feed the rest

See how they run

Lady Madonna lying on the bed
Listen to the music playing in your head

Tuesday afternoon is never ending
Wednesday morning papers didn't come
Thursday night you stocking needed mending
See how they run

Lady Madonna, children at your feet
Wonder how you manage to make ends meet

Lady Madonna

Lady Madonna bambini ai tuoi piedi
Mi chiedo come fai a sbarcare il lunario
Chi trova i soldi quando paghi l'affitto?
Pensavi che i soldi venissero dal cielo?

Venerdì sera arriva senza una valigia
Domenica mattina avanza furtiva come una suora
Lunedì il bambino ha imparato ad allacciarsi le scarpe
Guarda come corrono

Lady Madonna il bimbo al tuo seno
Si chiede come fai a sfamare gli altri

Guarda come corrono

Lady Madonna distesa sul letto
Ascolti la musica che ti suona nella testa

Martedì pomeriggio non finisce mai
Mercoledì mattina non sono arrivati i giornali
Giovedì sera serviva un rammendo alle tue calze
Guarda come corrono

Lady Madonna bambini ai tuoi piedi
Mi chiedo come fai a sbarcare il lunario

Accordi

[A] [D] x3
[F] [G] [A]

[A]Lady Ma[D]donna, [A]children at your [D]feet
[A]Wonder how you [D]manage to [F]make ends[G] me[A]et
[A]Who find the [D]money [A]when you pay the r[D]ent?
[A]Did you think that [D]money was [F]heaven[G] se[A]nt?

[Dm7]Friday night arrives without a [G7]suitcase
[C]Sunday morning creeping like a [Am7]nun
[Dm7]Monday's child has learned to tie his [G7]bootlace
[C]See [Bm7]how they [E7sus4]run

[A]Lady Ma[D]donna, [A]baby at your [D]breast
[A]Wonders how you [D]manage to [F]feed [G]the [A]rest [D]

[A] [D] [A] [D] [F] [G] [A]
[Dm7] [G7] [C] [Am7]
[Dm7] [G7]

[C]See [Bm7]how they [E7sus4]run

[A]Lady Ma[D]donna, [A]lying on the [D]bed
[A]Listen to the [D]music playing [F]in [G]your [A]head

[Dm7]Tuesday afternoon is never[G7] ending
[C]Wednesday morning papers didn't [Am7]come
[Dm7]Thursday night you stocking needed [G7]mending
[C]See [Bm7]how they [E7sus4]run

[A]Lady Ma[D]donna, [A]children at your [D]feet
[A]Wonder how you [D]manage to [F]make ends[G] me[A]et [G/B] [Cm]

[G/B] [A] [G/B] [Cm] [G/B] [A]

Registrazione

sabato 03.02.1968 @ Abbey Road Studio 3
nastri: 1-3
produttore: George Martin
primo fonico: Ken Scott
secondo fonico: Richard Lush
base ritmica di piano e batteria + sovraincisione basso, chitarre e altra batteria. infine, sovraincisione voce Paul e cori John e George

martedì 06.02.1968 @ Abbey Road Studio 1
nastri: 3 ridotto nel 4, sovraincisioni sul 4 + riduzione 4 nel 5 e sovraincisioni sul 5
produttore: George Martin
primo fonico: Geoff Emerick
secondo fonico: Jerry Boys
sovraincisione nuova voce e nuovi pianoforte + cori Paul, John e George, battimani + sovraincisione sassofoni

Mixaggio

martedì 06.02.1968 @ Abbey Road Studio 1
nastri: 5
mix: mono
produttore: George Martin
primo fonico: Geoff Emerick
secondo fonico: Jerry Boys
remix 1-2

giovedì 15.02.1968 @ Abbey Road Studio 3
nastri: 5
mix: mono
produttore: George Martin
primo fonico: Geoff Emerick
secondo fonico: Chris Blair
remix 3-10

martedì 02.12.1969 @ Abbey Road Studio 2
nastri: 5
mix: stereo
produttore: George Martin
primo fonico: Geoff Emerick /Phil McDonald
secondo fonico: Richard Lush
remix 1, resosi necessario per la pubblicazione, negli USA, della raccolta intitolata Hey Jude

Review

L'ultimo singolo dei Beatles per la Parlophone (le prossime uscite saranno pubblicate dalla Apple) nonchè il primo del 1968, da pubblicarsi durante il soggiorno del gruppo a Rishikesh, è un brano conosciuto ma poco amato, generalmente considerato come l'inizio poco entusiasmante di un anno molto triste per i Beatles, almeno dal punto di vista dei loro rapporti interni.

Scritta da Paul, che ancora una volta respingeva gli attacchi concorrenziali di John per il lato A, nacque come un'improvvisazione di pianoforte boogie-woogie che rievocava al suo autore Fats Domino, per cui egli iniziò a cantare con il caldo timbro del cantante e pianista di colore, uno degli eroi dei primi Beatles (Lennon nel '75 pubblicherà una versione di Ain't That A Shame, primo grande successo di Domino, sul suo album Rock And Roll).

L'introduzione di pianoforte ricorda molto però anche Bad Penny Blues, un brano di Humphrey Lyttelton del 1956, prodotto da George Martin. Pochi mesi dopo la pubblicazione di questo 45 giri, Domino incise una sua versione di Lady Madonna, che raggiunse il numero 100 delle classifiche americane.

Il testo, non molto ispirato, iniziò con il concetto della Vergine Maria, che divenne però presto simbolo e allegoria di tutte le donne. "È un tributo alla figura materna, un tributo a tutte le donne", spiegò Paul. L'esatta misura dell'apporto di Lennon ai versi non è nota, ma fu sicuramente sua l'idea di inserire le parole "see how they run", un insensato richiamo ad I Am The Walrus (Lady Madonna sarà poi a sua volta inserita nel gioco di riferimenti di Glass Onion).

Rileggendo quanto scritto, McCartney si accorse di essersi dimenticato il sabato nell'elenco dei giorni e delle attività, ma di aver trovato mantenuto l'errore perchè lo trovava divertente: "ho pensato che avesse diritto a una sera fuori".

L'esecuzione è convincente, e l'arrangiamento è interessante, con la pulsante frase di basso di McCartney e le chitarre all'unisono di Harrison e Lennon. I sassofoni danno un piacevole dinamismo - e una sonorità inusuale - al pezzo, nonostante l'irritazione dei turnisti perchè nessuno ad Abbey Road si era preso la briga di scrivere la loro parte.

Nell'insieme Lady Madonna è un buon pezzo commerciale, che, soprattutto come ulteriore esempio dell'inarrivabile varietà stilistica dei Beatles, merita tutto sommato l'inclusione nelle varie raccolte antologiche del gruppo e la frequente esecuzione di McCartney nei suoi concerti anche più recenti. È però evidente che questo brano è inferiore alla maggior parte di quelli pubblicati - e non solo come singolo - nel 1967. In patria ebbe vendite modeste, ma raggiunse comunque il numero uno delle classifica. In America si fermò a un relativamente deludente quarto posto.

Commenti