lucy in the sky with diamonds

(lennon/mccartney)
durata 03:28
la maggiore (strofa), fa maggiore (bridge), sol maggiore (ritornello)

Testo

Picture yourself on a boat on a river
With tangerine trees and marmalade skies
Somebody calls you, you answer quite slowly
A girl with kaleidoscope eyes

Cellophane flowers of yellow and green
Towering over your head
Look for the girl with the sun in her eyes
And she's gone

Lucy in the sky with diamonds
Lucy in the sky with diamonds
Lucy in the sky with diamonds, ah

Follow her down to a bridge by a fountain
Where rocking horse people eat marshmallow pies
Everyone smiles as you drift past the flowers
That grow so incredibly high

Newspaper taxies appear on the shores
Waiting to take you away
Climb in the back with your head in the clouds
And you're gone

Lucy in the sky with diamonds
Lucy in the sky with diamonds
Lucy in the sky with diamonds, ah

Picture yourself in a train in a station
With plasticine porters with looking glass ties
Suddenly someone is there at the turnstile
The girl with kaleidoscope eyes

Lucy in the sky with diamonds
Lucy in the sky with diamonds
Lucy in the sky with diamonds, ah
Lucy in the sky with diamonds...

Lucy nel cielo con diamanti

Immaginati in una barca su un fiume
Con alberi di mandarino e cieli di marmellata
Qualcuno ti chiama, tu rispondi lentamente
Una ragazza con occhi di caleidoscopio

Fiori di cellophane gialli e verdi
Svettano sopra di te
Cerchi la ragazza con il sole negli occhi
E se n'è andata

Lucy nel cielo con diamanti
Lucy nel cielo con diamanti
Lucy nel cielo con diamanti, ah

Seguila fino ad un ponte presso una fontana
Dove persone cavallo a dondolo mangiano torte di marshmallow
Tutti sorridono mentre scivoli oltre i fiori
Che crescono così incredibilmente alti

Taxi di giornale appaiono sulla sponda
Aspettando di portarti via
Ci sali dentro con la testa tra le nuvole
E te ne sei andato

Lucy nel cielo con diamanti
Lucy nel cielo con diamanti
Lucy nel cielo con diamanti, ah

immaginati sul treno in una stazione
Con facchini di plastilina con cravatte di specchio
All'improvviso c'è qualcuno al cancelletto
La ragazza con occhi di caleidoscopio

Lucy nel cielo con diamanti
Lucy nel cielo con diamanti
Lucy nel cielo con diamanti, ah
Lucy nel cielo con diamanti...

Accordi

[A] [A/G] [A/F#] [A/F]

[A]Picture your[A/G]self on a [A/F#]boat on a [A/F]river
With [A]tangerine [A/G]trees and [A/F#]marmalade [A/F]skies
[A]Somebody [A/G]calls you, you [A/F#]answer quite [A/F]slowly
A [A]girl with ka[A/G]leidoscope [A/F#]eyes[Dm] [Dm/C]

[Bb]Cellophane flowers of [C]yellow and green
[F]Towering over your head[Bb]
[C]Look for the girl with the [G]sun in her eyes
And she's [D]gone

[G]Lucy in the [C]sky with [D]diamonds
[G]Lucy in the [C]sky with [D]diamonds
[G]Lucy in the [C]sky with [D]diamonds, ah

[A]Follow her [A/G]down to a [A/F#]bridge by a [A/F]fountain
Where [A]rocking horse [A/G]people eat [A/F#]marshmallow [A/F]pies
[A]Everyone [A/G]smiles as you [A/F#]drift past the [A/F]flowers
That [A]grow so i[A/G]ncredibly [A/F#]high [Dm] [Dm/C]

[Bb]Newspaper taxies ap[C]pear on the shores
[F]Waiting to take you away[Bb]
[C]Climb in the back with your [G]head in the clouds
And you're [D]gone

[G]Lucy in the [C]sky with [D]diamonds
[G]Lucy in the [C]sky with [D]diamonds
[G]Lucy in the [C]sky with [D]diamonds, ah

[A]Picture your[A/G]self in a [A/F#]train in a [A/F]station
With [A]plasticine [A/G]porters with [A/F#]looking glass [A/F]ties
[A]Suddenly [A/G]someone is [A/F#]there at the [A/F]turnstile
The [A]girl with ka[A/G]leidoscope [A/F#]eyes [Dm] [Dm/C]

[G]Lucy in the [C]sky with [D]diamonds
[G]Lucy in the [C]sky with [D]diamonds
[G]Lucy in the [C]sky with [D]diamonds, ah
[G]Lucy in the [C]sky with [D]diamonds...

Registrazione

martedì 28.02.1967 @ Abbey Road Studio 2
nastri: non numerati
produttore: George Martin
primo fonico: Geoff Emerick
secondo fonico: Richard Lush
prove

mercoledì 01.03.1967 @ Abbey Road Studio 2
nastri: 1-7 + riduzione 7 nell'8
produttore: George Martin
primo fonico: Geoff Emerick
secondo fonico: Richard Lush
base ritmica

giovedì 02.03.1967 @ Abbey Road Studio 2
nastri: 8
produttore: George Martin
primo fonico: Geoff Emerick
secondo fonico: Richard Lush
sovraincisioni voci, basso, chitarra solista

Mixaggio

giovedì 02.03.1967 @ Abbey Road Studio 2
nastri: 8
mix: mono
produttore: George Martin
primo fonico: Geoff Emerick
secondo fonico: Richard Lush
remix 1-11, tutti scartati

venerdì 03.03.1967 @ Abbey Road Studio 2
nastri: 1-4
mix: mono
produttore: George Martin
primo fonico: Geoff Emerick
secondo fonico: Richard Lush
4 remix, numerati 1-4. il 4 fu pubblicato

venerdì 07.04.1967 @ Abbey Road Studio 2
nastri: 8
mix: stereo
produttore: George Martin
primo fonico: Geoff Emerick
secondo fonico: Richard Lush
remix 1-5

Review

Una delle canzoni più celebrate di Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band è questo brano, gran parte della cui fama è dovuta, oltre alle indubbie qualità, al fatto che i sostantivi del suo titolo compongano l'acronimo LSD. Benchè i Beatles abbiano sempre asserito che questa fosse una mera coincidenza, appare assai improbabile che nessuno del loro staff se ne fosse accorto, per cui la provocazione acquista tutto il carattere dell'intenzionalità.

Lennon indicò sempre come fonte di ispirazione un disegno del figlio Julian, allora cinquenne, che raffigurava una sua compagna di scuola, Lucy O'Donnell (a volte indicata come Lucy Vodden, cognome da sposata; Lucy, nata nel 1963 e scomparsa nel 2009, ha sempre confermato questa versione. Non si sa però dove si trovi ora il disegno in questione). Quando John, vedendo il disegno, chiese a Julian di che si trattasse, la risposta fu appunto che raffigurava Lucy nel cielo con dei diamanti.

È probabile che Lennon vide il disegno quando la canzone era ormai ultimata, o almeno lo era la parte di sua composizione, che comprendeva la strofa e il bridge. In tutto il resto del testo, ricco di splendide immagini nello stile di Lewis Carroll che John tanto amava, non c'è infatti nessun riferimento a Lucy, anche se il suo nome nel ritornello suggerisce che sia lei la ragazza con gli occhi di caleidoscopio.

Le canzoni di John degli ultimi due album dei Beatles, per quanto di notevole successo e indiscutibile valore, erano quasi tutte prive di un ritornello in senso classico, come avevano invece brani precedenti quali Help! o Ticket To Ride. Trovandosi dunque in difficoltà su come completare la canzone, chiese aiuto a McCartney, che invece aveva recentemente composto ritornelli di ogni genere: il tormentone di Yellow Submarine, quello a un solo verso di Got To Get You In To My Life, la semiseria parodia dei Beach Boys di Paperback Writer, il più canonico refrain di Drive My Car.

McCartney contribuì a Lucy In The Sky With Diamonds con qualche immagine del testo (andando giustamente fiero in particolare dell'idea dei taxi di giornale), suggerendo un cantato più fluido nel bridge, e musicando la frase che Lennon aveva scelto come titolo. Purtroppo, la sua soluzione, assai ortodossa per metro (4/4), progressione (tonica-sottodominante-dominante) e melodia (stranamente orizzontale, molto lennoniana), aveva ben poco a che spartire con il visionario sogno in 3/4 che caratterizzava le sezioni scritte da Lennon. Persino la linea di basso, ingegnosamente esitante nel resto del brano, è banale: l'unica trovata ispirata del ritornello fu l'armonizzazione alta sul terzo verso.

La verità è che purtroppo Lucy In The Sky With Diamonds segna l'inizio della fase indolente di Lennon, con il concomitante  abbassamento dei suoi standard di qualità: non tanto sotto l'aspetto compositivo, quanto sotto quello della cura che veniva posta nell'incisione dei brani. Il tardivo disconoscimento di Lennon di un capolavoro come Being For The Benefit Of Mr. Kite! è emblematico in questo senso.

In Sgt. Pepper's, un album nel quale la collaborazione tra i due leader dei Beatles riguarda, sebbene in proporzioni variabili, una buona metà dei brani, il perfezionismo di McCartney riuscirà ad annullarne quasi completamente (con questa sola eccezione) l'effetto negativo. Un solo anno più tardi, con il White Album, la mancanza di rifinitura (e di selezione, un peccato questo condiviso con McCartney) nel lavoro di Lennon contribuirà significativamente ad abbassare gli standard qualitativi dei Beatles.

È probabile che Lennon avrebbe atteso un'idea migliore per il completamento di Lucy In The Sky With Diamonds, se essa fosse stata composta ai tempi di Revolver; ma le cose sarebbero potute andare ancora peggio un solo anno più tardi. Meglio dunque prenderla per ciò che è, e godere di una delle prove più brillanti della fantasia di John Lennon catalizzata dall'LSD.

Commenti