twist and shout

(medley/russell)
durata 02:33
re maggiore

Testo

Well, shake it up baby now
Twist and shout
Come on, come on, come, come on baby now
Come on and work it on out
Well work it on out, honey
You know you look so good
You know you got me goin' now
Just like I know you would

Well, shake it up baby now
Twist and shout
Come on, come on, come, come on baby now
Come on and work it on out
You know you twist little girl
You know you twist so fine
Come on and twist a little closer now
And let me know that you're mine

Yeah, shake it up baby now
Twist and shout
Come on, come on, come, come on baby now
Come on and work it on out
You know you twist little girl
You know you twist so fine
Come on and twist a little closer now
And let me know that you're mine
Well shake it, shake it, shake it, baby now
Well shake it, shake it, shake it, baby now
Well shake it, shake it, shake it, baby now

Balla il twist e urla

Bene, agitati piccola,
Balla il twist e urla
Dai, dai, dai, dai piccola, adesso
Vieni e provaci
Dai provaci, tesoro
Sai che sei così bella
Sai che mi fai impazzire
Proprio come mi piacerebbe

Bene, agitati piccola,
Balla il twist e urla
Dai, dai, dai, dai piccola, adesso
Vieni e provaci
Sai che stai ballando il twist, piccola
Sai che balli il twist così bene
Dai, ora balla un po' più vicina a me
E fammi vedere che sei mia

Si, agitati piccola,
Balla il twist e urla
Dai, dai, dai, dai piccola, adesso
Vieni e provaci
Sai che stai ballando il twist, piccola
Sai che balli il twist così bene
Dai, ora balla un po' più vicina a me
E fammi vedere che sei mia
Bene, agitati, agitati, agitati, piccola, adesso
Bene, agitati, agitati, agitati, piccola, adesso
Bene, agitati, agitati, agitati, piccola, adesso

Accordi

[D] [G] [A7] [D] [G] [A7]

Well, shake it up [D]baby now [G] [A7]
Twist and s[D]hout [G] [A7]
Come on, come on, come, come on [D]baby now [G] [A7]
Come on and work it on [D]out [G] [A7]
Well work it on out[D], honey [G] [A7]
You know you look so [D]good [G] [A7]
You know you got me [D]goin' now [G] [A7]
Just like I know you [D]would [G] [A7]

Well, shake it up [D]baby now [G] [A7]
Twist and s[D]hout [G] [A7]
Come on, come on, come, come on [D]baby now [G] [A7]
Come on and work it on [D]out [G] [A7]
Come on and work it on [D]out [G] [A7]
You know you twist little [D]girl [G] [A7]
You know you twist so [D]fine [G] [A7]
Come on and twist a little [D]closer now [G] [A7]
And let me know that you're [D]mine [G] [A7]

[D] [G] [A7] x 4

[A]Aaah... aaah... aaah... aaah

Yeah, shake it up [D]baby now [G] [A7]
Twist and s[D]hout [G] [A7]
Come on, come on, come, come on [D]baby now [G] [A7]
Come on and work it on [D]out [G] [A7]
You know you twist little [D]girl [G] [A7]
You know you twist so [D]fine [G] [A7]
Come on and twist a little [D]closer now [G] [A7]
And let me know that you're [D]mine [G] [A7]
Well shake it, shake it, shake it, [D]baby now [G] [A7]
Well shake it, shake it, shake it, [D]baby now [G] [A7]
Well shake it, shake it, shake it, [D]baby now [G] [A7]

[A]Aaah... aaah... aaah... aaah [D9]

Registrazione

lunedì 11.02.1963 @ Abbey Road Studio 2
nastri: 1-2
produttore: George Martin
primo fonico: Norman Smith
secondo fonico: Richard Langham

Mixaggio

lunedì 25.02.1963 @ Abbey Road Studio 1
nastri: 1
mix: mono & stereo
produttore: George Martin
primo fonico: Norman Smith
secondo fonico: A.B. Lincoln

Anomalie

01:19 George tocca una corda di troppo durante questo passaggio dell'assolo, così che la terza ripetizione di questa frase di chitarra (che ripetuta 4 volte costituisce l'assolo) risulta leggermente diversa dalle altre tre.

01:24 La voce di Lennon non è perfettamente intonata sul La, e sembra traballare anche a 1:25. Come osserva Stephen Hamel, un errore così evidente sembrerebbe un errore di montaggio dei tecnici, eppure la versione pubblicata non è il risultato del montaggio di più nastri. Possibile dunque che si tratti di un difetto del nastro.
Per il resto, la ricostruzione del lungo Ah centrale corretta pare la seguente:
John: La
Paul: Do# e George, più piano, da Do# a Fa#
George: Mi
Paul: Sol (dal vivo spesso faceva un Si, che rendeva ancora più eccitante questo passaggio: forse in studio non ha voluto rischiare una nota così alta).

02:28 Qualcuno grida un trionfale "Yeh" (Ian McDonald lo attribuisce a McCartney).

02:29 Si sente uno strano rumore.

Review

Il finale dell'album Please Please Me è davvero un gran finale. La versione dei Beatles di Twist And Shout è un'esecuzione travolgente, celebrata oggi come allora, e da sempre indicata come una delle migliori interpretazioni vocali di John Lennon ed una delle migliori cover dei Fab Four.

Molti si sono chiesti come mai i Beatles abbiano inciso all'ultimo momento questo brano, con il gruppo ormai stanco e il rischio concreto di lasciare fuori dall'album un pezzo che registrava sempre un enorme apprezzamento da parte del pubblico ai loro concerti.

George Martin, nell'Anthology, risponde al quesito: egli aveva già scelto di chiedere l'album con Twist And Shout, ma sapeva che dopo questo brano, la gola già provata del raffreddato Lennon avrebbe immediatamente dichiarato la resa. I Beatles erano d'accordo, e dopo ulteriori dosi di latte, caramelle e un ultimo gargarismo col latte per John, misero mano ai rispettivi strumenti per incidere il pezzo, ben consapevoli che avrebbero avuto uno o al massimo due tentativi prima che Lennon cedesse.

Con John a dorso nudo e i tecnici che, su richiesta dei Beatles, fingevano di essere il pubblico per dargli la carica, Twist And Shout venne fuori già perfetta alla prima incisione (un secondo tentativo si interruppe dopo pochi versi, constatate le condizioni vocali di Lennon), catturando un'eccitazione palpabile, espressa anche dal trionfale Hey! di McCartney nelle battute finali. In seguito Lennon dichiarò di essere rimasto afono per giorni dopo questa incisione, e di essere rammaricato perchè se fosse stato in condizioni migliori avrebbe potuto fare ancora meglio.

Nessuno mette in dubbio le sue straordinarie doti vocali, ma sembra difficile superare la rude efficacia della sua impressionante performance vocale, così come solo un bastian contrario di natura può trovare un difetto in qualsiasi altro elemento della canzone, dai graffianti cori paralleli di McCartney e Harrison all'accompagnamento ritmico guidato da uno Starr qui più martellante che mai.

La versione originale di Twist And Shout, scritta da Phil Medley e Bert Russell nel 1961, incisa dai Top Notes e prodotta da un giovanissimo Phil Spector, non fu un successo. Secondo Russell, la causa risiedeva proprio nell'infelice produzione di Spector, che ancora non aveva inventato la sua famigerata tecnica del Wall Of Sound. Nel 1962 gli Isley Brothers ripresero la canzone, prodotta dallo stesso Russell sotto uno dei suoi pseudonimi (Bert Berns), portandola nella top 20 americana e dando il via ad un gran numero di cover di questo brano, tra cui si segnalano quelle dei Troggs, di Chuck Berry e di Bon Jovi.

Nessuna di esse avvicina nemmeno lontanamente la forza d'urto espressa nella versione dei Beatles, qui indubbiamente al meglio della loro capacità di interpreti ed anche di arrangiatori, considerate le notevoli differenze tra la loro versione e quelle precedentemente incise da altri artisti. Le reazioni entusiastiche iniziarono seduta stante e già all'indomani dell'incisione i presenti in studio tiravano per la giacca i loro colleghi di Abbey Road per fargli ascoltare ciò che era stato inciso nello studio 2 la sera prima. Incoraggiata dalle reazioni entusiastiche che fecero seguito alla pubblicazione, la EMI scelse Twist And Shout per aprire e intitolare il primo EP del gruppo, che rimane ancora oggi il più venduto di sempre in Gran Bretagna.

Commenti