boys

(dixon/farrell)
durata 02:27
mi maggiore

Testo

I've been told when a boy kiss a girl
Take a trip around the world
Hey, Hey, Hey, Hey, Hey, Hey
Yes they say you do

My girl says when I kiss her lips
Get the thrill thru fingertips
Hey, Hey, Hey, Hey, Hey, Hey
Yeah she said you do

Well I talk about boys
Don't you know I mean boys
Well I talk about boys now
Ah, boys
Well I talk about boys now
What a bundle of joy

My girl says when I kiss her lips
Get the thrill thru fingertips
Hey, Hey, Hey, Hey, Hey, Hey
Yeah she said you do

Well I talk about boys
Don't you know I mean boys
Well I talk about boys now
Ah, boys
Well I talk about boys now
What a bundle of joy

Ragazzi

Mi hanno detto che quando un ragazzo bacia una ragazza
E' come se facesse un giro intorno al mondo
Hey, Hey, Hey, Hey, Hey, Hey
Si, è così che dicono

La mia ragazza dice che quando bacio le sue labbra
Sente i brividi fino alla punta delle dita
Hey, Hey, Hey, Hey, Hey, Hey
Si, è così che dice

Bene, sto parlando di ragazzi
Non capisci, intendo ragazzi
Si, sto parlando di ragazzi adesso
Ah, ragazzi
Si, sto parlando di ragazzi adesso
Che allegria che sono

La mia ragazza dice che quando bacio le sue labbra
Sente i brividi fino alla punta delle dita
Hey, Hey, Hey, Hey, Hey, Hey
Si, è così che dice

Bene, sto parlando di ragazzi
Non capisci, intendo ragazzi
Si, sto parlando di ragazzi adesso
Ah, ragazzi
Si, sto parlando di ragazzi adesso
Che allegria che sono

Accordi

[B7] [A7] [E7] [B7]

[E7]I've been told when a boy kiss a girl
Take a trip around the world
Hey, [A7]Hey, Hey, [E7]Hey, Hey, [B7]Hey
[A7]Yes they say you [E7]do

My girl says when I kiss her lips
Get the thrill thru fingertips
Hey, [A7]Hey, Hey, [E7]Hey, Hey, [B7]Hey
[A7]Yeah she said you [E7]do

[B7]Well I talk about boys
Don't you know I mean boys
Well I talk about boys[A7] now
Ah, [E7]boys
Well I talk about [B7]boys now
[A7]What a bundle of [E7]joy

Solo [B7] [E7] [A7] [E7] [B7] [A7] [E7] [B7]

[E7]My girl says when I kiss her lips
Get the thrill thru fingertips
Hey, [A7]Hey, Hey, [E7]Hey, Hey, [B7]Hey
[A7]Yeah she said you [E7]do

[B7]Well I talk about boys
Don't you know I mean boys
Well I talk about boys[A7] now
Ah, [E7]boys
Well I talk about [B7]boys now
[A7]What a bundle of [E7]joy

Registrazione

lunedì 11.02.1963 @ Abbey Road Studio 2
nastri: 1
produttore: George Martin
primo fonico: Norman Smith
secondo fonico: Richard Langham

Mixaggio

lunedì 25.02.1963 @ Abbey Road Studio 1
nastri: 1
mix: mono & stereo
produttore: George Martin
primo fonico: Norman Smith
secondo fonico: A.B. Lincoln

Anomalie

00:01 Durante tutta la canzone, a tratti, è possibile udire il cigolio del pedale della grancassa di Ringo.

Review

Il debutto di Ringo Starr come cantante solista su un disco dei Beatles fu affidato ad una cover di un brano delle Shirelles, un quartetto di cantanti di colore che nel 1961 divenne il primo gruppo interamente femminile ad ottenere il primo posto nelle classifiche americane. Il disco che valse loro la vetta delle hit parade fu il singolo Will You Love Me Tomorrow, scritta dagli stessi autori di Chains, interpretata dalle Cookies ed anch'essa reinterpretata dai Beatles su Please Please Me. Il lato B di quello storico singolo era Boys.

Mentre solitamente quando una canzone passa da un interprete maschile ad uno femminile o viceversa il testo viene adattato di conseguenza, titolo compreso (vedi ad esempio Devil In Her Heart), in Boys i Beatles ignorarono questo espediente (pur adattando alcuni versi all'interno della canzone), e non trasformarono la canzone in Girls. In tempi più recenti Paul McCartney ha dichiarato che oggi probabilmente sarebbe più opportuno modificare il testo, ma che all'epoca nessuno ci fece caso, e i Boys delle Shirelles diventarono, nel concetto dei Beatles, un generico omaggio alla gioventù.

Originariamente uscita nel novembre 1960, la versione delle Shirelles è proprio quello che ci si aspetterebbe da un lato B: un brano piacevole, ma la canzone vera è dall'altro lato del disco. Evidentemente la gioventù liverpooliana all'inizio degli anni '60 la pensava diversamente, e Boys era un punto fisso nel repertorio di molti gruppi, Beatles compresi. All'epoca il batterista dei Fab Four era ancora Pete Best, e Boys era "il numero del batterista", cioè l'unico brano in cui Best prendeva il microfono; contemporaneamente, anche il gruppo in cui suonava Ringo Starr, Rory Storm And The Hurricanes, sceglieva lo stesso pezzo come "numero del batterista".

Al momento di individuare il brano da solista per Ringo in Please Please Me, la scelta fu dunque scontata; e con il massiccio rinforzo degli altri 3 Beatles ai cori, Boys divenne il primo brano (nonchè uno dei pochissimi) in cui tutti e 4 i Beatles cantano contemporaneamente. Aldilà di queste piccole curiosità storiche, non è facile trovare molti motivi per ricordare Boys, nè nella versione dei Beatles, nè in quella delle Shirelles.

Commenti