tell me what you see

(lennon/mccartney)
durata 02:35
sol maggiore

Testo

If you let me take your heart
I will prove to you
We will never be apart
If I'm part of you
Open up you eyes now
Tell me what you see
It is no surprise now
What you see is me

Big and black the clouds may be
Time will pass away
If you put your trust in me
I'll make bright your day
Look into these eyes now
Tell me what you see
Don't you realize now
What you see is me

Tell me what you see

Listen to me one more time
How can I get through
Can't you try to see that I'm
Tryin' to get to you
Open up your eyes now
Tell me what you see
It is no surprise now
What you see is me

Tell me what you see

Listen to me one more time
How can I get through
Can't you try to see that I'm
Tryin' to get to you
Open up your eyes now
Tell me what you see
It is no surprise now
What you see is me

Dimmi cosa vedi

Se lasci che mi prenda il tuo cuore
Ti proverò
Che non ci separeremo mai
Io sono parte di te
Apri i tuoi occhi allora
Dimmi cosa vedi
Non è una sorpresa allora
Quello che vedi sono io

Grandi e nere possono essere le nuvole
Il tempo passerà
Se riponi la tua fiducia in me
Farò splendere la tua giornata
Guarda in questi occhi allora
Dimmi cosa vedi
Non ti rendi conto allora
Quello che vedi sono io

Dimmi cosa vedi

Ascoltami ancora una volta
Come posso farmi comprendere?
Non puoi cercare di capire che
Sto cercando di raggiungerti?
Apri i tuoi occhi allora
Dimmi cosa vedi
Non è una sorpresa allora
Quello che vedi sono io

Dimmi cosa vedi

Ascoltami ancora una volta
Come posso farmi comprendere?
Non puoi cercare di capire che
Sto cercando di raggiungerti?
Apri i tuoi occhi allora
Dimmi cosa vedi
Non è una sorpresa allora
Quello che vedi sono io

Accordi

[G]

If you [C]let me [D]take your [G]heart
I will [C]prove to [G]you
We will [C]never [D]be a[G]part
If I'm [C]part of [G]you
[C]Open up you e[G]yes now
[C]Tell me what you [G]see
[C]It is no sur[G]prise now
[C]What you [D]see is [G]me

Big and [C]black the [D]clouds may [G]be
Time will [C]pass a[G]way
If you [C]put your [D]trust in [G]me
I'll make [C]bright your [G]day
[C]Look into these e[G]yes now
[C]Tell me what you [G]see
[C]Don't you rea[G]lize now
[C]What you [D]see is [G]me

[G7/9]Tell me what you [C]see [G] [D7] [G]

Listen [C]to me [D]one more [G]time
How can [C]I get [G]through
Can't you [C]try to [D]see that [G]I'm
Tryin' to [C]get to [G]you
[C]Open up you e[G]yes now
[C]Tell me what you [G]see
[C]It is no sur[G]prise now
[C]What you [D]see is [G]me

[G7/9]Tell me what you [C]see [G] [D7] [G]

Listen [C]to me [D]one more [G]time
How can [C]I get [G]through
Can't you [C]try to [D]see that [G]I'm
Tryin' to [C]get to [G]you
[C]Open up you e[G]yes now
[C]Tell me what you [G]see
[C]It is no sur[G]prise now
[C]What you [D]see is [G]me
[C]Mmmmmm [G]

Registrazione

giovedì 18.02.1965 @ Abbey Road Studio 2
nastri: 1-4
produttore: George Martin
primo fonico: Norman Smith
secondo fonico: Ken Scott

Mixaggio

sabato 20.02.1965 @ Abbey Road Studio 2
nastri: 4
mix: mono
produttore: George Martin
primo fonico: Norman Smith
secondo fonico: Ken Scott

martedì 23.02.1965 @ Abbey Road Studio 2
nastri: 4
mix: stereo
primo fonico: Norman Smith
secondo fonico: Malcolm Davies

Review

Tell Me Whay You See, di McCartney, si inserisce autorevolmente tra le più insignificanti composizioni dei Beatles, al punto che lo stesso Paul, che ne fu l'autore, non ricorda molto della composizione, e ammette candidamente che non si tratta certo di un brano memorabile.

Offerta a Richard Lester per la colonna sonora del film Help!, fu cortesemente rifiutata, ed andò a far parte del lato B dell'album (in Gran Bretagna; negli USA apparve invece su Beatles VI, l'LP che precede Help! nella discografia americana del gruppo).

Ancora una volta, McCartney tenta di risollevare le sorti attraverso l'impegno in studio
(vedere ad esempio What You're Doing, Another Girl e in generale tutte le sue composizioni da Beatles For Sale a Yesterday), ma è una battaglia persa con un pezzo banale oltre ogni possibilità di redenzione.

Il testo non aiuta, tradendo nella prima strofa un sentimentalismo traboccante come mai prima d'ora nella discografia dei Beatles; la seconda strofa riarrangia in qualche modo l'idea del cielo come allegoria dell'amore già espressa in And I Love Her. Purtroppo, sull'infantile linea melodica di Tell Me What You See il risultato è assai meno poetico. Nel ritornello Paul tenta di infondere un po' di vitalità attraverso un unico verso cantato con intensità e volume superiori: un escamotage che funzionerà meglio nelle successive I'm Looking Through You e Got To Get You In To My Life.

I tratti più notevoli di Tell Me What You See sono tutti strumentali: le pennate a rovescio, nello stile dei chitarristi folk ma effettuate con la chitarra elettrica, la traccia di percussioni, ricca come non mai di strumenti esotici e tenuta molto "avanti" nel mixaggio, il piano elettrico che caratterizza altri brani di Help!. Il ritornello finale cantato a bocca chiusa è invece mutuato da All I've Got To Do.

Benchè nel complesso sia più banale che sgradevole, Tell Me What You See rappresenta sicuramente il punto più basso dell'evidente crisi di ispirazione che McCartney attraversò dopo le vette di A Hard Day's Night. Fortunatamente, prima della fine dell'album, Paul registrerà due splendidi brani (Yesterday e I've Just Seen A Face) che segneranno l'inizio di una rapida ripresa e apriranno di qui a meno di un anno l'inizio del miglior periodo creativo della sua straordinaria carriera.

Commenti