mr. moonlight

(johnson)
durata 02:33
fa# maggiore

Testo

Mr. Moonlight

You came to me
One summer night
And from your beam you made my dream
And from the world you sent my girl
And from above you sent us love
And now she is mine
I think you're fine
Because we love you
Mr. Moonlight

Mr. Moonlight
Come again please
Here I am on my knees
Beggin if you please

And the night you don't come my way
I pray and pray more each day
Because we love you
Mr. Moonlight

And the night you don't come my way
I pray and pray more each day
Because we love you
Mr. Moonlight
Mr. Moonlight
Mr. Moonlight

Sig. Chiaro Di Luna

Sig. Chiaro di Luna

Sei venuto da me
Una notte d'estate
E dai tuoi raggi hai esaudito i miei sogni
E dal mondo hai mandato la mia ragazza
E da lassù ci hai mandato amore
E ora lei è mia
Penso tu sia buono
Perchè ti amiamo
Sig. Chiaro di Luna

Sig. Chiaro di Luna
Ritorna, per favore
Sono qui in ginocchio
A chiedertelo per favore

E la notte non ti incrocio sulla mia strada
Io prego e prego ancora ogni giorno
Perchè ti amiamo
Sig. Chiaro di Luna

E la notte non ti incrocio sulla mia strada
Io prego e prego ancora ogni giorno
Perchè ti amiamo
Sig. Chiaro di Luna
Sig. Chiaro di Luna
Sig. Chiaro di Luna

Accordi

Mr. Moonlight [F#]

You came to me
One summer night [B]
And from your beam you made my [F#]dream [D#m]
And from the world you sent my girl [B]
And from above you sent us [F#]love [B]
And now she is mine
[F#]I think you're [D#7]fine
Because we [G#m]love you [C#]
Mr. Moon[F#]light

Mr. Moonlight
Come again please
Here I am on my knees
Beggin if you please [B]

And the night you don't come my way
I[F#] pray and pray more each [D#7]day
Because we [G#]love you [C#]
Mr. Moon[F#]light

Solo: [F#]

And the night you don't come my way
I[F#] pray and pray more each [D#7]day
Because we [G#]love you [C#]
Mr. Moon[F#]light
Mr. Moonlight
Mr. Moonlight

Registrazione

venerdì 14.08.1964 @ Abbey Road Studio 2
nastri: 1-4
produttore: George Martin
primo fonico: Norman Smith
secondo fonico: Ron Pender
prima versione, senza organo e percussioni

domenica 18.10.1964 @ Abbey Road Studio 2
nastri: 1-8
produttore: George Martin
primo fonico: Norman Smith
secondo fonico: Geoff Emerick
rifacimento: varie versioni, tra cui quella con organo e percussioni scelta come definitiva

Mixaggio

martedì 27.10.1964 @ Abbey Road Studio 2
nastri: 4,8
mix: mono
produttore: George Martin
primo fonico: Norman Smith
secondo fonico: Ken Scott

mercoledì 04.11.1964 @ Abbey Road Studio 2
nastri: 4,8
mix: stereo
produttore: George Martin
primo fonico: Norman Smith
secondo fonico: Mike Stone

Anomalie

00:00 Per tutta la canzone, il pedale della grancassa di Ringo cigola.

01:36 Qualcuno canta, appena percettibilmente, una nota di riferimento per il coro che sta per entrare.

02:27 Leggero riff di organo sotto il secondo "light" - solo nella versione stereo.

Review

Le cover scelte dai Beatles per riuscire a pubblicare un album in tempo per la stagione natalizia sono state fin dall'uscita di Beatles For Sale fonte di critica e stupore; tra esse, è Mr. Moonlight ad aver ricevuto le stroncature più aspre. Stephen Thomas Erlwine di Allmusic la definì "senza dubbio la cosa peggiore mai registrata dal gruppo"; per Q Magazine era "orribile". Altri critici sentenziarono che non era tanto l'interpretazione dei Beatles ad essere scadente, quanto la canzone in sè.

Se a questo si aggiunge che l'autore del brano è un compositore oggi dimenticato, la cui unica speranza di sopravvivenza all'oblio è legata al più criticato brano del più criticato disco dei Beatles, ce n'è abbastanza per chiedersi cosa spinse il gruppo a questa scelta.

In realtà, come altre canzoni di altri artisti interpretate dai Beatles, Mr. Moonlight è il lato B di un singolo di discreto successo. Il lato A era Dr. Feelgood, e il singolo era accreditato a Dr. Feelgood and the Interns. Dietro questo pseudonimo si celava il cantante e pianista William "Willie" Lee Peryman, noto nella prima parte della sua carriera con lo pseudonimo di Piano Red, prima di trasformarsi, dapprima sporadicamente, poi stabilmente a partire dagli anni '60, in Dr. Feelgood.

Nato nel 1911, autodidatta, Perryman ebbe una lunga carriera come pianista di club, che svolgeva alla sera, mentre di giorno faceva il tappezziere. Nel 1950, inaspettatamente, due sue registrazioni raggiunsero la top 5 delle classifiche di R&B, facendone una star di livello nazionale per una manciata di anni, durante i quali divenne anche il primo musicista blues ad entrare nelle classifiche pop.

Nella seconda metà degli anni '50 Perryman lavorò anche come DJ, creando diversi personaggi per le proprie trasmissioni, uno dei quali era il Dr. Feelgood. Il singolo omonimo, uscito nel 1962, fu sufficientemente distribuito da giungere all'orecchio degli appassionati britannici di R&B. Tra essi c'erano notoriamente i Beatles, avidi ascoltatori di questo genere musicale, che inserirono quasi subito il brano presente sul lato B nei propri spettacoli.

Il sapore latineggiante di Mr. Moonlight era lontano dallo stile del gruppo (non dai loro gusti però, se si considerano pezzi come A Taste Of Honey, Till There Was You e Besame Mucho, punto fisso delle prime scalette dei Fab Four, suonata anche nel loro provino alla EMI).

L'esecuzione invece era abbastanza in linea con le scelte di arrangiamento, soprattutto vocale, tipiche del primo periodo beatlesiano, e, fattore non trascurabile, il pezzo è molto divertente da suonare e cantare. Il piacere di Lennon nel suo ruggito iniziale è evidente (Piano Red usava soluzioni vocali del genere per guadagnarsi l'attenzione nei rumorosi club in cui si esibiva), così come lo è il divertimento dei tre cantanti per tutta la durata del brano.

L'assolo di organo di McCartney è effettivamente imbarazzante, ma nell'insieme Mr. Moonlight mette di buonumore chi l'ascolta, il che era indubbiamente lo scopo del suo autore. Se la principale virtù di Beatles For Sale è l'originalità, Mr. Moonlight aumenta il valore di quest'album più di quanto non facciano le fiacche versioni di abusati e strasentiti (allora più di oggi) brani come Honey Don't e Everybody's Trying To Be My Baby.

Commenti