oh ! darling

(lennon/mccartney)
durata 03:26
la maggiore

Testo

Oh! darling, please believe me
I'll never do you no harm
Believe me when I tell you
I'll never do you no harm

Oh! Darling, if you leave me
I'll never make it alone
Believe me when I tell you
Don't ever leave me alone

When you told me
You didn't need me anymore
Well you know I nearly broke down and cried
When you told me
You didn't need me anymore
Well you know I nearly broke down and died

Oh! Darling if you leave me
I'll never make it alone
Believe me when I tell you
I'll never do you no harm
(Believe me darling)

When you told me
You didn't need me anymore
Well you know I nearly broke down and cried
When you told me
You didn't need me anymore
Well you know I nearly broke down and died

Oh! Darling, please believe me
I'll never let you down
Oh, believe me darling
Believe me when I tell you
I'll never do you no harm

Oh ! Tesoro

Oh! Tesoro per favore credimi
Non ti farò mai del male
Credimi quando ti dico
Non ti farò mai del male

Oh! Tesoro se mi lasci
Non ce la farò mai da solo
Credimi quando ti prego
Non lasciarmi mai da solo

Quando mi hai detto
Che non avevi più bisogno di me
Beh sai sono quasi crollato e ho pianto
Quando mi hai detto
Che non avevi più bisogno di me
Oh beh sai sono quasi crollato e morto

Oh! Tesoro se mi lasci
Non ce la farò mai da solo
Credimi quando ti dico
Non ti farò mai del male
(Credimi tesoro)

Quando mi hai detto
Che non avevi più bisogno di me
Beh sai sono quasi crollato e ho pianto
Quando mi hai detto
Che non avevi più bisogno di me
Oh beh sai sono quasi crollato e morto

Oh! Tesoro per favore credimi
Non ti lascerò mai
Oh, credimi tesoro
Credimi quando ti dico
Non ti farò mai del male

Accordi

[E+7]

Oh! [A]darling, please be[E]lieve me
[F#m]I'll never do you no [D]harm
Be[Bm]lieve me when I [E]tell you
[Bm]I'll never [E]do you no [A]harm [D] [A] [E7]

Oh! [A]Darling, if you [E]leave me
[F#m]I'll never make it [D]alone
Be[Bm]lieve me when I [E]tell you
[Bm]Don't ever [E]leave me [A]alone [B] [A] [A7]

When you [D]told me
You didn't [F]need me anymore
Well you [A]know I nearly broke down and [A7]cried
When you [B]told me
You didn't need me anymore
Well you [E]know I nearly [F]broke down and [E]died [E+7]

Oh! [A]Darling, if you [E]leave me
[F#m]I'll never make it [D]alone
Be[Bm]lieve me when I [E]tell you
[Bm]I'll never [E]do you no [A]harm [B] [A]
(Believe me darling) [A7]

When you [D]told me
You didn't [F]need me anymore
Well you [A]know I nearly broke down and [A7]cried
When you [B]told me
You didn't need me anymore
Well you [E]know I nearly [F]broke down and [E]died [E+7]

Oh! [A]darling, please be[E]lieve me
[F#m]I'll never let you [D]down
Oh, believe me darling
Be[Bm]lieve me when I [E]tell you
[Bm]I'll never [E]do you no [A]harm [D] [A] [Bb] [A]

Registrazione

lunedì 27.01.1969 @ Apple Studios
nastri: non numerati
produttore: George Martin
primo fonico: Glyn Johns
secondo fonico: Alan Parsons
prima prova, durante le sessions per Get Back/Let It Be

domenica 20.04.1969 @ Abbey Road Studio 3
nastri: 1-26
produttore: Chris Thomas
primo fonico: Jeff Jarratt
secondo fonico: John Kurlander
base ritmica: voce/basso, batteria, chitarra, piano + sovraincisione organo - l'organo fu eliminato in seguito

sabato 26.04.1969 @ Abbey Road Studio 2
nastri: 26
produttore: Chris Thomas
primo fonico: Jeff Jarratt
secondo fonico: Richard Langham
sovraincisione voce Paul

giovedì 17.07.1969 @ Abbey Road Studio 3
nastri: 16
produttore: George Martin
primo fonico: Phil McDonald
secondo fonico: Alan Parsons
rifacimento voce Paul - stranamente sul nastro 16, tutto il resto del lavoro precedente e successivo fu sul nastro 26

venerdì 18.07.1969 @ Abbey Road Studio 3
nastri: 26
produttore: George Martin
primo fonico: Phil McDonald
secondo fonico: Alan Parsons
rifacimento voce Paul

martedì 22.07.1969 @ Abbey Road Studio 3
nastri: 26
produttore: George Martin
primo fonico: Geoff Emerick /Phil McDonald
secondo fonico: John Kurlander
rifacimento voce Paul

mercoledì 23.07.1969 @ Abbey Road Studio 3
nastri: 26
produttore: George Martin
primo fonico: Geoff Emerick /Phil McDonald
secondo fonico: John Kurlander
rifacimento voce Paul

venerdì 08.08.1969 @ Abbey Road Studio 3
nastri: 26
produttore: George Martin
primo fonico: Tony Clark
secondo fonico: Alan Parsons
Paul sovraincide chitarra e tamburello

lunedì 11.08.1969 @ Abbey Road Studio 2
nastri: 26
produttore: George Martin
primo fonico: Geoff Emerick /Phil McDonald
secondo fonico: John Kurlander
sovraincisione cori e sintetizzatore

Mixaggio

domenica 20.04.1969 @ Abbey Road Studio 3
nastri: 26
mix: stereo
produttore: Chris Thomas
primo fonico: Jeff Jarratt
secondo fonico: John Kurlander
un remix provvisorio

giovedì 01.05.1969 @ Abbey Road Studio 3
nastri: 26
mix: stereo
produttore: Chris Thomas
primo fonico: Jeff Jarratt
secondo fonico: Nick Webb
remix 2-4, resi obsoleti da successive sovraincisioni

martedì 12.08.1969 @ Abbey Road Studio 2
nastri: 26
mix: stereo
produttore: George Martin
primo fonico: Geoff Emerick /Phil McDonald
secondo fonico: John Kurlander
remix 5-9

Review

All'inizio della carriera dei Beatles, brani terzinati come This Boy o You Really Got A Hold On Me erano del tutto d'attualità, ma già alla fine della loro carriera, sebbene fossero trascorsi pochi anni, uno stile del genere era dichiaratamente retrò. È questo il caso di Oh ! Darling (sull'album originale il titolo è scritto proprio così, con lo spazio prima del punto esclamativo), che rimescola ulteriormente le carte, aggiungendo energici elementi blues-rock a quella che è, formalmente, una ballata doo-wop.

La sezione strofa/ritornello, di 8 battute, si mantiene su accordi tipici del doo-wop: tonica, dominante, sottodominante, sesta e nona minore. Il più rockeggiante bridge, anch'esso di 8 battute, utilizza un accordo di sesta eccedente tedesca, piuttosto infrequente nella musica moderna, e sostituisce la nostalgica nona minore della strofa con una più enfatica nona maggiore.

Il testo è funzionale alla musica, nello stile di I'm Down, ma con stato d'animo opposto; il momento più felice della fusione di testo e musica è il respiro tra le parole "oh" e "darling", che conferisce un'aura di supplichevole sincerità per il resto messa a dura prova dall'energia della musica. La produzione è infatti tra le più ricche della discografia dei Beatles, con un suono così pieno e un uso di riverbero così abbondante da superare persino il "wall of sound" operato da Phil Spector nella sua produzione dell'album Let It Be.

Per quanto tutte le esecuzioni siano ottime (in particolare l'iperattivo basso di McCartney e i cori a tre parti di Lennon, Harrison e McCartney), il tratto più caratteristico di Oh ! Darling è senza dubbio l'impetuosa esecuzione vocale di Paul. Volendo catturare una ruvidezza da prima esecuzione, egli si recava ogni giorno ad Abbey Road prima dell'arrivo dei suoi compagni, e registrava un solo tentativo. Dopo una settimana, riuscì in un'interpretazione che giudicò soddisfacente (lamentandosi col fonico e futuro produttore Alan Parsons: "anni fa l'avrei fatta in un attimo". In realtà soltanto l'anno prima aveva inciso Helter Skelter, non esattamente una passeggiata per la laringe).

Con la sua tessitura altissima, l'aggressivo raschiato e i furibondi falsetti alla Little Richard, la sua performance è fin troppo grintosa, per quanto tecnicamente straordinaria: un difetto da cui non è immune Golden Slumbers, anch'essa su Abbey Road, mentre nell'analogamente appassionata I've Got A Feeling il risultato è più appropriato. Dello stesso avviso era Lennon, che apprezzava molto la canzone, e molto meno l'esecuzione di Paul. Disse infatti: "Ho sempre pensato che l'avrei potuta cantare meglio - era più il mio stile che il suo. Ma l'aveva scritta lui, e così, fanculo, la cantò lui".

In effetti, una versione di Oh ! Darling interpretata da Lennon esiste, per quanto sui generis. Nel primo giorno di lavoro sul pezzo, durante le sessions per Get Back, a Lennon arrivò la notizia che era stato ufficializzato il divorzio da Yoko Ono e il suo precedente marito, Tony Cox. Poichè questo significava che John poteva finalmente sposare la sua amata, egli esplose in una liberatoria interpretazione di Oh ! Darling con il seguente testo:

I'm free
This morning
Baby told the lawyer it's OK
Believe me when I tell you
I'll never do you no harm

(Sono libero/Questa mattina/La piccola ha detto che l'avvocato ha dato l'ok/Credimi quando ti dico/Che non ti farò mai del male).

Commenti