her majesty

(lennon/mccartney)
durata 00:23
re maggiore

Testo

Her majesty's a pretty nice girl
But she doesn't have a lot to say
Her majesty's a pretty nice girl
But she changes from day to day
I wanna tell her that I love her a lot
But I gotta get a belly full of wine
Her majesty's a pretty nice girl
Someday I'm gonna make her mine
Oh, yeah, some day I'm gonna make her mine

Sua Maestà

Sua Maestà è una ragazza molto carina
Ma non ha molto da dire
Sua Maestà è una ragazza molto carina
Ma cambia da un giorno all'altro
Voglio dirle che la amo un sacco
Ma devo farmi una bella bevuta di vino
Sua Maestà è una ragazza molto carina
Un giorno o l'altro la farò mia
Oh, sì, un giorno o l'altro la farò mia

Accordi

[D]Her majesty's a pretty nice girl
But she [E7]doesn't have a lot to [A]say [D]
Her majesty's a pretty nice girl
But she [E7]changes from day to [A7]day
[Bm]I wanna tell her that I love her a lot
But I [D7]gotta get a belly full of [G]wine
[Em/G]Her majesty's a [D]pretty nice [B7]girl
Some[Em]day I'm gonna [A7]make her [D]mine
Oh, [B7]yeah, some [Em7]day I'm gonna [A7]make her [D]mine

Registrazione

mercoledì 02.07.1969 @ Abbey Road Studio 2
nastri: 1-3
produttore: George Martin
primo fonico: Phil McDonald
secondo fonico: Chris Blair

Mixaggio

mercoledì 30.07.1969 @ Abbey Road Studio 2
nastri: 3
mix: stereo
produttore: George Martin
primo fonico: Geoff Emerick /Phil McDonald
secondo fonico: John Kurlander
remix 1

Review

La canzone più breve dei Beatles è anche il primo esempio documentato di ghost track (o hidden track) nella storia della musica moderna.

Scritta da McCartney, Her Majesty doveva inizialmente fare parte del long medley ed inserirsi tra Mean Mr. Mustard e Polythene Pam, fino a che Paul decise che il brano non funzionava e disse al tecnico John Kurlander di buttarla via. Kurlander però aveva avuto istruzione di non buttare mai via nulla di quanto i Beatles avessero registrato e, per sua comodità, mise il brano in coda al disco, lasciando una pausa dopo The End.

Ascoltato casualmente da Paul, questo effetto di sorpresa gli piacque (compreso l'accordo di Mean Mr. Mustard che rimane nei secondi iniziali) e decise di inserire il brano sul disco, senza citarlo nella sequenza sulla copertina (questo vale solo per la prima edizione dell'LP, mentre le successive ristampe, come le versioni su CD e musicassetta riportano Her Majesty nell'elenco dei brani).

Grezzamente tagliata all'inizio (vedi sopra) e alla fine (a causa dell'imminente inizio di Polythene Pam), Her Majesty ha anche un curioso effetto di panning, iniziando con una forte presenza nel canale di destra per spostarsi poi progressivamente verso sinistra.

Molto ingegnosa per composizione ed esecuzione, Her Majesty presenta un'ottima performance chitarrista di McCartney ed esibisce anche un testo garbatamente irriverente, che lui stesso ha definito una specie di canzone d'amore per la Regina.

Commenti