i should have known better

(lennon/mccartney)
durata 02:46
sol maggiore

Testo

I should have known better with a girl like you
That I would love everything that you do
And I do, hey hey hey, and I do
I never realized what a kiss could be
This could only happen to me
Can't you see, can't you see

That when I tell you that I love you, oh
You're gonna say you love me too
And when I ask you to be mine
You're gonna say you love me too

So, I should have realized a lot of things before
If this is love you've gotta give me more
Give me more, hey hey hey, give me more
So, I never realized what a kiss could be
This could only happen to me
Can't you see, can't you see

That when I tell you that I love you, oh
You're gonna say you love me too
And when I ask you to be mine
You're gonna say you love me too

I never realized what a kiss could be
This could only happen to me
Can't you see, can't you see

That when I tell you that I love you, oh
You're gonna say you love me too
And when I ask you to be mine
You're gonna say you love me too
You love me too
You love me too

Avrei dovuto saperlo

Avrei dovuto saperlo con una ragazza come te
Che avrei amato ogni cosa che fai
E lo faccio, hey hey hey, e lo faccio
Whoa, whoa, non avevo mai capito cosa potesse essere un bacio
Una cosa così poteva capitare soltanto a me
Non capisci? Non capisci?

Che quando ti dirò che ti amo, oh
Dirai di amarmi anche tu uh uh uh uh, oh
E quando ti chiederò di essere mia
Dirai che anche tu mi ami

Così, oh, avrei dovuto rendermi conto di tante cose prima
Se questo è l'amore tu devi darmene di più
Darmene di più, hey hey hey, darmene di più
Whoa, whoa, non avevo mai realizzato cosa poteva essere un bacio
Questo poteva accadere solo a me
Non capisci? Non capisci?

Che quando ti dirò che ti amo, oh
Dirai di amarmi anche tu uh uh uh uh, oh
E quando ti chiederò di essere mia
Dirai che anche tu mi ami

Non avevo mai capito cosa potesse essere un bacio
Una cosa così poteva capitare soltanto a me
Non capisci? Non capisci?

Che quando ti dirò che ti amo, oh
Dirai di amarmi anche tu uh uh uh uh, oh
E quando ti chiederò di essere mia
Dirai che anche tu mi ami
Mi ami anche tu
Mi ami anche tu

Accordi

[G] [D] x4

[G]I-[D]i-[G]i [D]should have known [G]better with a [D]girl like y[G]ou [D]
That I would [G]love every[D]thing that you [Em]do
And I [C]do, hey hey [D]hey, and I [G]do [D] [G]
[D]Whoa-[G]I-[D]i-[G]i [D]never rea[G]lized what a [D]kiss could [G]be
This could [G]only [D]happen to [Em]me
Can't you [C]see, can't you [B7]see

[Em]That when I [C]tell you that I [G]love you, [B7]oh
[Em]You're gonna say you love me [G]too oh[G7]
[C]And when I [D7]ask you to be [G]mi[Em]ne
[C]You're gonna [D7]say you love me [G]too [D] [G]

[D]So, [G]I-[D]i-[G]i [D]should have rea[G]lized a lot of [D]things be[G]fore
[D]If this is [G]love you've gotta [D]give me [Em]more
Give me [C]more, hey hey [D]hey, give me [G]more [D] [G]
[D]So, [G]I-[D]i-[G]i [D]never rea[G]lized what a [D]kiss could [G]be
This could [G]only [D]happen to [Em]me
Can't you [C]see, can't you [B7]see

[Em]That when I [C]tell you that I [G]love you, [B7]oh
[Em]You're gonna say you love me [G]too oh[G7]
[C]And when I [D7]ask you to be [G]mi[Em]ne
[C]You're gonna [D7]say you love me [G]too [D] [G]

Solo [G] [D] x 5
[Em] [C] [D] [G] [D] [G]

[D]Whoa-[G]I-[D]i-[G]i [D]never rea[G]lized what a [D]kiss could [G]be
This could [G]only [D]happen to [Em]me
Can't you [C]see, can't you [B7]see

[Em]That when I [C]tell you that I [G]love you, [B7]oh
[Em]You're gonna say you love me [G]too oh[G7]
[C]And when I [D7]ask you to be [G]mi[Em]ne
[C]You're gonna [D7]say you love me [G]too [D] [G]
You [D]love me [G]too [D] [G]
You [D]love me [G]too [D] [G]

Registrazione

martedì 25.02.1964 @ Abbey Road Studio 2
nastri: 1-3
produttore: George Martin
primo fonico: Norman Smith
secondo fonico: Richard Langham

mercoledì 26.02.1964 @ Abbey Road Studio 2
nastri: 4-22
produttore: George Martin
primo fonico: Norman Smith
secondo fonico: Richard Langham
rifacimento

Mixaggio

martedì 03.03.1964 @ Abbey Road Studio 1
nastri: 22
mix: mono
produttore: George Martin
primo fonico: Norman Smith
secondo fonico: A.B. Lincoln

lunedì 22.06.1964 @ Abbey Road Studio 1
nastri: 22
mix: stereo
produttore: George Martin
primo fonico: Norman Smith
secondo fonico: Geoff Emerick

Anomalie

00:06 Lieve calo d'intensità dell'armonica. Forse John che riprende fiato.

01:08 Schiocco di dita fuori tempo.

02:00 Strano effetto del double tracking sulla parola "see".

02:16 Netto intervento di edizione.

02:21 Il double tracking rientra a metà della parola "mine".

Review

Scritta nel gennaio 1964, pochi giorni dopo che Harrison aveva introdotto Bob Dylan ai suoi compagni con l'acquisto, a Parigi, di una copia di Freewheelin', I Should Have Known Better potrebbe essere la prima canzone dei Beatles ad aver subito l'influenza del cantautore statunitense. Le connessioni sono tenui, ma i Beatles avevano appena iniziato un lavoro di evoluzione del proprio linguaggio e numerosi elementi concorrono al sound di quello che diventerà il loro terzo album, A Hard Day's Night.

Tra di essi, uno dei più importanti si deve ancora a George Harrison, la cui nuova Rickenbacker 12 corde caratterizzerà, coi suoi luminosi acuti, gran parte dei brani dell'LP. L'elemento più dylaniano, ma comunque presente in altri precedenti importanti brani beatlesiani, come Love Me Do, Please Please Me e From Me To You, è la parte di armonica di Lennon che introduce il brano. I nastri incisi per arrivare alla versione finale di I Should Have Known Better mostrano che nella composizione originale il ruolo dell'armonica era ancora più preminente.

Come altre canzoni di A Hard Day's Night, I Should Have Known Better alterna ripetutamente due accordi (SOL Maggiore e RE Maggiore) per gran parte della strofa, prima di passare, nella seconda ripetizione, ad una insolitamente lunga sezione a contrasto introdotta da una settima di SI. Benchè queste soluzioni armoniche siano piuttosto frequenti nelle prime composizioni lennoniane, il risultato melodico è insolitamente spensierato: una sequenza talmente consona al gusto di McCartney, che non è per niente difficile immaginarsi Paul alle prese con l'esecuzione vocale del brano.

Nel corso dell'intervista a Playboy del 1980, Lennon dichiarò: è solo una canzone. Anche nel '64 non doveva pensarla molto diversamente, a giudicare dalla superficialità con cui effettuò il raddoppio della sua parte vocale.

Nel film, I Should Have Known Better è legata alla scena in cui i Beatles giocano a carte sul treno (in realtà sono su un furgone, fatto muovere dallo staff cinematografico per simulare l'andamento su rotaie): in questa scena appare anche Pattie Boyd, futura signora Harrison e, più tardi, signora Clapton.

Commenti