Long Tall Sally

Lato A
  1. Long Tall Sally (Johnson/Penniman/Blackwell)
  2. I Call Your Name (Lennon/McCartney)
Lato B
  1. Slow Down (Williams)
  2. Matchbox (Perkins)

Pubblicazione

GEP 8913: 19 giugno 1964

Formato: EP 45 giri

Classifica

Posizione più alta: #1 per 7 settimane
Settimane in classifica: 37


Recensione

di Luca Biagini | Ultimo aggiornamento: 21.11.2009

The Beatles - Copertina dell'album The Beatles Long Tall Sally

I primi due album dei Beatles erano composti, quasi in parti uguali, da brani originali e da cover. Le registrazioni di A Hard Day's Night, terzo album del gruppo, iniziarono allo stesso modo, e portarono alla registrazione di tre cover: Long Tall Sally, Matchbox e Slow Down, che sarebbero state incluse nella facciata B dell'album (come succederà per Help!, che presenta cover sull'album ma non nella colonna sonora del film, costituita dai brani della facciata A).

Nel proseguimento dei lavori sul loro terzo LP, i Beatles si resero però conto che, data l'improvvisa ed imprevista abbondanza di materiale generato soprattutto dall'esplosione creativa di Lennon, essi potevano pubblicare il loro primo LP composto unicamente da brani originali. Per questa ragione, si ritrovarono con 4 brani inutilizzati (le 3 cover di cui sopra, più I Call Your Name, un brano di Lennon già registrato da un altro dei gruppi di Epstein, Billy J. Kramer and The Dakotas).

Così, nel 1964, a distanza di 3 settimane, i Beatles pubblicarono sia il loro primo LP interamente costituito da brani di loro composizione, sia il loro primo EP costituito da brani non pubblicati in precedenza. Gli album costituiti da brani di loro composizione diventeranno una costante a partire da Rubber Soul (con una sola, trascurabile eccezione in Let It Be per Maggie Mae), mentre seguirà solo un altro EP di brani inediti, il doppio Magical Mystery Tour.

Come i precedenti Twist And Shout e All My Loving, la pubblicazione di Long Tall Sally celebra un brano e un'esecuzione straordinaria. La sua pubblicazione su un EP eponimo diede maggior risalto all'epoca, ma meno ai giorni nostri, ad una delle migliori interpretazioni vocali rock and roll di Paul McCartney, una  performance straordinaria cui i suoi fans tributano la stessa considerazione riservata all'altrettanto straordinaria prova di John Lennon in Twist And Shout. Al contempo, l'inclusione di Matchbox (primo brano cantato da Ringo pubblicato su EP) privò Starr della sua tradizionale ribalta da solista in A Hard Day's Night, rendendolo uno dei due soli album in cui il batterista dei Beatles non canta nemmeno un brano (l'altro è Let It Be). 

Commenti dei lettori

Ancora nessun commento per questo album. Be the first!

Lascia un commento

I commenti sono moderati, non usare i commenti per inviare messaggi che non siano relativi alla canzone e di interesse generale. I tuoi dati non saranno usati per scopi commerciali nè ceduti a terzi, e saranno conservati nel rispetto delle vigenti normative in materia di privacy. Gli IP vengono conservati per prevenire e tracciare eventuali abusi. Insomma, niente di speciale, le solite cose obbligatorie per legge. Scrivi pure!




Content management system & hosting: courtesy of Gruppo Modulo | © 2003-2014 Luca Biagini except where noted otherwise.