Run For Your Life

(Lennon/McCartney)

Durata: 2:18
Tonalità: Re Maggiore

Chi ha suonato cosa in questa canzone dei Beatles?

  • John Lennon: voce, chitarra ritmica acustica, chitarra ritmica
  • Paul McCartney: cori, basso
  • George Harrison: cori, chitarra solista
  • Ringo Starr: batteria, tamburello

Testo

Well I'd rather see you dead, little girl
Than to be with another man
You better keep your head, little girl
Or I won't know where I am

You better run for your life if you can, little girl
Hide your head in the sand little girl
Catch you with another man
That's the end, ah little girl

Well I know that I'm a wicked guy
And I was born with a jealous mind
And I can't spend my whole life
Trying just to make you toe the line

You better run for your life if you can, little girl
Hide your head in the sand little girl
Catch you with another man
That's the end, ah little girl

Let this be a sermon
I mean everything I've said
Baby, I'm determined
And I'd rather see you dead

You better run for your life if you can, little girl
Hide your head in the sand little girl
Catch you with another man
That's the end, ah little girl

I'd rather see you dead, little girl
Than to be with another man
You better keep your head, little girl
Or I won't know where I am

You better run for your life if you can, little girl
Hide your head in the sand little girl
Catch you with another man
That's the end, ah little girl

© 1965 Northern Songs.
I testi originali riportati su questo sito provengono da www.beatleslyricsarchive.com

Traduzione

Beh, preferirei vederti morta, ragazzina
Piuttosto che con un altro uomo
È meglio che tu tenga la testa a posto ragazzina
O perderò il controllo

È meglio che scappi se ci tieni alla pelle, ragazzina
Nascondi la testa nella sabbia, ragazzina
Sorprenderti con un altro uomo
È la fine, ah ragazzina

Beh sai che non sono un cattivo ragazzo
E che sono geloso di natura
E non posso passare la mia intera vita cercando
Solo di farti rigare dritto

È meglio che scappi se ci tieni alla pelle, ragazzina
Nascondi la testa nella sabbia, ragazzina
Sorprenderti con un altro uomo
È la fine, ah ragazzina

Prendila pure come una predica
Ho parlato proprio sul serio
Bambina, sono deciso
E preferirei vederti morta

È meglio che scappi se ci tieni alla pelle, ragazzina
Nascondi la testa nella sabbia, ragazzina
Sorprenderti con un altro uomo
È la fine, ah ragazzina

Preferirei vederti morta, ragazzina
Piuttosto che con un altro uomo
È meglio che tu tenga la testa a posto ragazzina
O perderò il controllo

È meglio che scappi se ci tieni alla pelle, ragazzina
Nascondi la testa nella sabbia, ragazzina
Sorprenderti con un altro uomo
È la fine, ah ragazzina

Registrazione

Martedì 12 ottobre 1965
@ Abbey Road - Studio 2

Nastro/i: 1-5
Produttore: George Martin
Primo fonico: Norman Smith
Secondo fonico: Ken Scott/Phil McDonald

Mixaggio

Martedì 9 novembre 1965
@ Abbey Road - Stanza 65
Mix: mono

Nastro/i: 5
Produttore: George Martin
Primo fonico: Norman Smith
Secondo fonico: Jerry Boys

Mercoledì 10 novembre 1965
@ Abbey Road - Stanza 65
Mix: stereo

Nastro/i: 5
Produttore: George Martin
Primo fonico: Norman Smith
Secondo fonico: Jerry Boys

Accordi

[D]

Well I'd rather see you dead, little girl
Than to [Bm]be with another man
You [D]better keep your head, little girl
Or I [Bm]won't know where I am

You better [Bm]run for your life if you [E]can, little girl
[Bm]Hide your head in the [E]sand little girl
[Bm]Catch you with another [G]man
[F#7]That's the [Bm]end, ah little girl [D]

Well I know that I'm a wicked guy
And I was [Bm]born with a jealous mind
And [D]I can't spend my whole life
Trying just to [Bm]make you toe the line

You better [Bm]run for your life if you [E]can, little girl
[Bm]Hide your head in the [E]sand little girl
[Bm]Catch you with another [G]man
[F#7]That's the [Bm]end, ah little girl

Solo [D] [G] [D] [A] [D]

Let this be a sermon
I mean [Bm]everything I've said
[D]Baby, I'm determined
And I'd [Bm]rather see you dead

You better [Bm]run for your life if you [E]can, little girl
[Bm]Hide your head in the [E]sand little girl
[Bm]Catch you with another [G]man
[F#7]That's the [Bm]end, ah little girl [D]

I'd rather see you dead, little girl
Than to [Bm]be with another man
You [D]better keep your head, little girl
Or I [Bm]won't know where I am

You better [Bm]run for your life if you [E]can, little girl
[Bm]Hide your head in the [E]sand little girl
[Bm]Catch you with another [G]man
[F#7]That's the [Bm]end, ah little girl [D]

Na na naa na na naa na na naa

Recensione

di Luca Biagini | Ultimo aggiornamento: 27.04.2010

Per quanto alcuni tra i primi brani dei Beatles, e in particolare di Lennon, tradiscano un maschilismo oggi superato o quantomeno non più socialmente accettato (l'esempio più lampante è You Can Do That), Run For Your Life mostra un atteggiamento machista eccessivo anche per l'epoca. Nei primi anni '90, un periodo in cui la violenza domestica inizia ad essere un problema sentito nella giusta misura, una radio americana addirittura bandì il brano dalla propria programmazione radiofonica.

In realtà, il risultato, per quanto maldestro, non fu intenzionale. John iniziò a scrivere Run For Your Life strimpellando Baby Let's Play House di Evlis Presley, un brano scritto nel 1955 da Richard Gunther, che a sua volta si ispirava a I Want To Play House With You, un pezzo country del 1951 composto da Cy Coben.

Questo era evidentemente un modo di comporre pericoloso per Lennon (vedere Come Together), che nel testo di Run For Your Life non fa molto più che girare intorno al concetto espresso da un verso dell'ultima strofa di Baby Let's Play House: Now listen to me baby/Try to understand/I'd rather see you dead, little girl/Than to be with another man (Ora ascoltami piccola/Cerca di capire/Preferirei vederti morta, ragazzina/Piuttosto che con un altro uomo).

Purtroppo, mentre nel brano di Gunther questa infelice espressione, usata una sola volta, sta a significare il profondo desiderio e l'intensità del suo sincero amore raccontato, in Run For Your Life ricorre dall'inizio alla fine, mai toccata da una benchè minima parvenza di romanticismo che possa riscattarla, apparendo inevitabilmente come un'egoistica rivendicazione di bieca gelosia ossessiva e possessiva.

Soprattutto dopo il suo incontro con Yoko Ono e il conseguente interesse per i diritti delle donne, Lennon si pentì amaramente dell'errore e se ne scusò più volte, dichiarando che scrisse la canzone distrattamente, senza dare importanza al senso delle parole. Nell'intervista a Rolling Stone del 1970 Lennon dichiarò che Run For Your Life era il brano che meno amava tra quelli da lui composti per i Beatles, insieme a It's Only Love. Nel '73 disse confermò che la odiava ed era il suo pezzo meno riuscito. Ancora più tardi, affermò che era la canzone che più di tutte non avrebbe voluto aver scritto.

Mentre si potrebbe pensare che l'inclusione di Run For Your Life sia stata causata dalla documentata fretta che condizionò lavorazione di Rubber Soul, il fatto curioso è che la canzone fu la prima ad essere registrata per l'album: ci sarebbe stato tutto il tempo per un ripensamento. Inoltre, mentre Lennon tradì la propria disistima per It's Only Love già durante la lavorazione del brano, non vi è traccia di simili comportamenti nelle registrazioni di Run For Your Life; per la verità, la sua esecuzione vocale è talmente grintosa da far davvero temere per le sorti della protagonista.

Com'è facile immaginare, gli evidenti demeriti del testo hanno rapidamente offuscato le buone qualità musicali di Run For Your Life, uno dei pezzi di Rubber Soul che George Harrison preferiva. La struttura del brano, uno dei pochi dei Beatles ad essere costituito solo da strofa e ritornello, senza nè un bridge nè una sezione a contrasto, interrompe le continue minacce solo per un assolo di 12 battute dal forte sapore blueseggiante.

Dal punto di vista della compilazione dell'album, dopo A Hard Day's Night il secondo costituito interamente da brani dei Beatles, è interessante come il pezzo sia messo a chiusura del lato B. Dopo aver cercato dei finali esplosivi nei primi due LP, i Beatles sembrano avere smesso di interessarsi a questo aspetto artistico, e con l'eccezione della suggestiva I'll Be Back, si direbbe che la scelta sia stata quella di mettere sempre per ultimi i pezzi dei quali erano meno convinti.

Commenti dei lettori

Il 23/10/2012 alle 22:34 TheGigi ha detto:
Buona melodia, con un testo diverso sarebbe potuta diventare una canzone di successo tra i Fab Four.
Il 05/11/2012 alle 09:10 Massimo ha detto:
E' una canzone che mi è sempre piaciuta moltissimo, non concordo con le aspre critiche sul testo. Quante canzoni degli old blues singers degli anni 20/30 avevano un testo maschilista, pro alcol o droghe a volte forse anche anti ecologico o anti chissà cosa? Penso diverse, ma sono state di ispirazione a molte generazioni di cantautori. Forse andrebbe tutto maggiormente contestualizzato, fermo restando che la lirica di un autore rappresenta per me il suo personale sentimento del momento, che può cambiare, essere condiviso o anche no, ma se alla fine ne esce un buon prodotto penso di poterlo accettare in una pur sempre canzone.
Il 12/09/2013 alle 21:23 Tonia ha detto:
io sono quasi d'accordo con massimo; basti pensare alla famosissima 'i got a woman' del grandissimo Ray: soffermandoci sul testo, lui non ha solo una donna,ma ha una donna, a casa, e che sempre in casa fa il suo dovere. (tipico stereotipo: 'vai in cucina donna, quello è il tuo posto!') eppure è una tra le più conosciute e apprezzate. Certo, si può sempre ammettere che charles fosse stato più 'carino' nel suo maschilismo...
Il 04/04/2014 alle 11:00 Alessandro ha detto:
Sicuramente il testo è molto forte e diretto (come pure quello di You can't do that di qualche anno prima), ma si tratta ad ogni modo di puri avvertimenti in modo da prevenire una qualsivoglia mancanza di rispetto (ovvero di fedeltà) quindi più che comprensibili in condizioni normali. Quello che stupisce semmai, è l'incoerenza dell'autore John, noto donnaiolo nonostante sposato e padre di famiglia già all'epoca .. Per il resto è un tema come un altro. Mi spiego : non è che se uno scrive una canzone del genere incita la gente a picchiare, minacciare o (peggio) uccidere la propria donna. Senno' allora tutta la generazione psichedelica con le sue canzoni si riassumerebbe a della pura propaganda pro droghe per tutti, e non mi pare sia stato il caso. Siamo negli anni '60 ricordiamocelo, in cui l'ordinamento famigliare da ambo i lati dell'oceano era ben diverso. Ultima osservazione e poi chiudo : uno dei pezzi simbolo degli anni '60 HEY JOE, coverizzato e reso famoso da artisti "illuminati" quali i Byrds e Jimi Hendrix (solo per citare le versioni più celebri) parla di un tizio che ha ucciso la sua donna a colpi di pistola perché lei lo aveva tradito. Ora, non mi risulta che in mezzo alla marea di freakettoni presenti a tutti i festival dove il pezzo fu suonato (Monterey, Woodstock e Isola di Wight sicuramente) ci furono happening di protesta per i versi machisti della canzone .. ricordiamocelo, fondamentalmente è musica !!! Quindi ci penserei bene prima di condannare una canzone come RUN FOR YOUR LIFE, che a parte il difetto di copiare un po ' LAST TIME degli Stones dal punto di vista del riff e della struttura, rimane comunque uno dei migliori pezzi rock dei baronetti.

Lascia un commento

I commenti sono moderati, non usare i commenti per inviare messaggi che non siano relativi alla canzone e di interesse generale. I tuoi dati non saranno usati per scopi commerciali nè ceduti a terzi, e saranno conservati nel rispetto delle vigenti normative in materia di privacy. Gli IP vengono conservati per prevenire e tracciare eventuali abusi. Insomma, niente di speciale, le solite cose obbligatorie per legge. Scrivi pure!




Content management system & hosting: courtesy of Gruppo Modulo | © 2003-2014 Luca Biagini except where noted otherwise.